LA DONNA IN MENOPAUSA: UNA NUOVA FECONDITA’

f253d0e2b9d6dd6ca259d0cdafcf335d

Oggi, giornata Mondiale dedicata alla Menopausa, mi e vi dedico queste parole di Simona Oberhammer:

Se con la fine dell’infanzia arriva la donna capace di concepire, con la fine del periodo procreativo arriva la donna capace di utilizzare la sua energia interiore.  Qualcosa va, qualcosa viene.  Nella natura nessuna stagione è meno importante dell’altra. Solo “diversa”.

Se qualcosa viene tolto, qualcos’altro viene dato. La nostra natura non priva le donne delle loro caratteristiche. Crea solo delle modifiche. Questa è la menopausa: una “nuova fase” in cui l’energia femminile si esprime. Non è esaurita quell’ energia che ha mosso gli ovuli e il sangue in tutti questi anni. Non è scomparsa come il colore dalle guance, lasciando solo un’immagine impallidita della donna di prima. No, quell’energia è ancora tutta dentro. Non può esaurirsi perché la donna è quell’energia. Lei ha vissuto l’esperienza ciclica non una, ma 400-500 volte nella vita. Però quell’energia, come il suo corpo, o alcuni aspetti della sua personalità, è soggetta a trasformazioni.

Quando nelle ovaie nessun ovulo viene più portato a maturazione e lasciato fuoriuscire, quando il sangue non scorre più verso l’esterno, l’energia muta il suo flusso. Prende un’altra direzione. Circola all’interno.

Non è più trasportata dall’onda ciclica degli ormoni, non viaggia più scivolando lungo le tube, non si raccoglie nelle pareti uterine, non scende lungo il canale vaginale. Si espande dentro. Dentro di sé, in ogni direzione. Potenziando facoltà psichiche e dell’anima.

Una nuova fecondità

Se la menopausa rappresenta la cessazione della fecondità biologica, si esprime ora diversamente. Con una nuova fecondità. Fine del ciclo fertile non significa quindi fine del ciclo vitale. Le energie prima indirizzate verso la procreazione, adesso si incanalano verso nuove mete. In questa fase si affinano le facoltà interiori. E la capacità di esprimerle.

Si acquista una visione dei fatti, di se stesse e degli altri molto più acuta e nitida. Una messa a fuoco migliore, una capacità di isolare i dettagli ripulendoli da sensazioni incerte, stati d’animo confusi, sensi di colpa velati, incapacità di esprimersi.

La donna ora accresce la sua forza: diventa più sensibile, più recettiva, più introspettiva, più intuitiva.

Fonte Macrolibrarsi

Rispondi