LUNA NUOVA ED ECLISSI DI SOLE: GUARIRE LE MEMORIE KARMICHE

woman-in-meditationOggi è Luna Nuova e si verificherà, nella serata, un’eclissi solare che noi in Italia non vedremo. C’è stato un gran parlare in questi giorni di una presunta meditazione, proposta da alcuni gruppi americani, alla quale molti hanno aderito ma molti ne hanno preso le distanze con le motivazioni più disparate.

Questo rivela le nostre paure ancestrali: sono riaffiorate la paura del buio, dell’ignoto. Ancora una volta emerge la dualità, quello che l’eclissi ha rappresentato nei secoli passati: lotta fra il bene e il male, fra la luce e il buio. Quello che emerge è la manifestazione di un Vuoto che ci riporta alle nostre origini e che, per chi è pronto, darà il via ad una nuovo periodo, che alcuni dicono di 3 anni, che ci proietterà in una nuova frequenza.

Questo allineamento fra Luna e Sole può essere visto come un bacio, un’unione tra i due principi, Luce e Oscurità, ma anche il congiungimento delle energie maschili e femminili. L’energia femminile, che pare prevalere durante l’eclissi, è l’amore compassionevole, è l’arrivo dell’era tanto decantata dalle profezie. La Luna nuova dà una forte spinta a reinventare tutto, a fare il vuoto per cominciare una nuova storia.

Partendo dal Vuoto, si fa spazio dentro di noi l’ascolto interiore, cosa ci dice il cuore e, ancor di più per noi donne, cosa ci dice il nostro Utero, centro della nostra saggezza. 

E’ per questo che voglio diffondere la proposta di Francesca e Cinzia di Semi di luce Blu, per chi ha deciso di fare la meditazione.

E’ una meditazione per guarire le memorie karmiche, di dolore e di sofferenza esistenti nel nostro DNA e che, oggi, vivono ancora dentro di noi: sono memorie comuni del passato, della storia che il femminile ha vissuto. Siamo tutti figli di una madre.

Vi consiglio di accendere una candela bianca, l’incenso o il palo santo e visualizzare una luce bianca che ci protegge tutto intorno. Visualizziamo il nostro cuore in collegamento con il nostro utero.

Attivato il centro di potere dell’utero, connettiamoci con le nostre ANTENATE MATERNE.

Osservale, è possibile che abbiamo tratti diversi, corpi diversi, che vengano da parti del Mondo che oggi, ti sembra di non conoscere o magari, neanche da questo Mondo. Invitale tutte a stare perché questo momento lo dedichi a loro. Ascolta le loro voci e i loro canti, senti il loro cuore, il loro amore. Loro sono anche le antenate di tante altre donne e altri uomini abitanti della Terra. Goditi questo momento con loro e quando te lo senti recita queste parole:

“Chiedo l’amore e la guarigione della Madre Divina per tutte le mie Madri Ancestrali e per la mia linea di discendenza.

Che tutti gli schemi genetici e le memorie cellulari possano liberarsi e guarire.

Che tutte le memorie energetiche, la memoria di gruppo e l’inconscio collettivo possano guarire. Che l’amore, la compassione  e la pace possano essere ripristinati in me e nel mio lignaggio. Che le mie Madri possano camminare al mio fianco in bellezza e amore, mostrandosi al Mondo libere di esprimersi”

“Madri, vi ringrazio per la vita che mi avete dato, per il coraggio nelle avversità nel dare alla luce le vostre figlie e i vostri figli, per il corpo che tutte voi mi avete donato, per il cuore che mi avete rinforzato, e per quegli aspetti di voi che mostro al mondo, per i vostri doni, i vostri talenti e le abilità che oggi si risvegliano in me e per la vostra saggezza che giace in profondità nelle mie ossa.

Non cammino mai sola, perché voi siete con me. A voi vanno il mio amore e la mia gratitudine.”

Alla fine, con un atto di gratitudine verso di loro, ricevi i loro doni che hanno per te…. e sentiti unita nel cuore a questo patrimonio interiore che è in te.

Haux – Haux

 

Rispondi