MANTRA: CONNESSIONE DI MENTE E CUORE

Green-Tara-Mantra-Om-Tare-Tuttare-Ture-Soha-–-Translation-Meaning-Chanting-BenefitsHo sempre amato la preghiera sotto forma di canto che, come spiega Wikipedia,  è considerato da tutte le maggiori religioni mondiali un importante strumento della disciplina spirituale, in grado di connettere mente e cuore e, quindi, di avvicinare l’uomo a Dio.

Quando voglio raggiungere uno stato meditativo e lasciarmi andare utilizzo i Mantra.

Il Mantra è una combinazione di suoni che, una volta emessi, creano nella mente frequenze, velocità e vibrazione specifiche; la parola Mantra deriva da:

MANAS (mente) e TRAVATI (liberare)

Il Mantra è una successione di suoni sempre uguali, ripetuti allo scopo di “liberare la mente”, una forma di meditazione semplice ma profonda. Di solito è composto da suoni brevi, ripetuti per un certo numero di volte.

Esistono numerosissimi Mantra con scopi differenti. I Mantra che utilizzano suoni sacri si prefiggono di “Unirsi a Dio”, che è il vero scopo dello Yoga. Unire il sé inferiore al Sé Superiore, ovvero unire la nostra natura umana alla nostra Natura Divina, cioè “Realizzare Dio”.

I Mantra più noti ed utilizzati sono in Sanscrito, ma ne esistono anche in altre lingue. Il Mantra più conosciuto è il mantra OM questo suono sacro è noto fin dall’antichità ed utilizzato dalle maggiori religioni e filosofie: AUM, AUMEN, AMEN, AMIN.

OM è una sillaba Sacra, usata come strumento di pratica meditativa; è considerato il suono che ha dato origine alla Creazione.

Nelle Upanishad il mantra AUM rappresenta BRAHMAN, il Dio Supremo, Colui che ha creato l’universo.

Il Mantra “OM” è usato in Islam come “AMIN”, nell’Induismo come “OM” e nel Cristianesimo come “AMEN”.

I Mantra funzionano in modo che quando vengono cantati, le labbra, la lingua e le corde vocali, lavorano assieme così che ogni parola crei una particolare vibrazione. Ogni mantra crea vibrazioni positive. Rivolgendosi a Dio, i Mantra esprimono principalmente messaggi spirituali, chiedendo l’illuminazione spirituale.

Durante il canto di un Mantra è molto importante mantenere una respirazione regolare e ritmica e la mente sgombera dai pensieri, questo richiede pratica ma una volta raggiunto il mood corretto, le vibrazioni positive avranno effetti molto positivi in tutto il vostro corpo.

I Mantra sono comunemente usati in forma di breve preghiera o come meditazione, ripetendolo più volte.

I Mantra possono essere recitati sia in sintonia con una melodia, tipo canzone, o con un tono profondo seguendo un particolare ritmo e cadenza.

Come si legge qui,

il canto nella meditazione mantra è un piacere che trascende i sensi, ci porta al di la del tempo e dello spazio, portando un effetto calmante sulla nostra persona. Esso infatti ci porta a fondere la nostra identità nell’infinito, portandoci via dal mondo terreno in uno spazio spirituale dove il suono che ascoltiamo è Dio.

Come consigliato nelle pratiche Induiste, i Mantra possono essere cantati 108 volte. Nel momento in cui recitate il Mantra 108 volte, potete raggiungere uno stato mentale che va oltre tutte le cose del mondo, raggiungendo la conoscenza spirituale. Un’ipotesi è che la ripetizione per 108 volte sia associata al calcolo dei 12 mesi dell’anno, con 12 segni zodiacali diversi, e 9 pianeti dominanti. Quindi, 9 x 12 = 108. Molti sacerdoti cantano nelle loro pratiche i Mantra anche 1.000 volte al giorno, o più.

Ogni mantra ha uno scopo diverso e un diverso effetto positivo sulle persone e sugli ambienti. Esistono Mantra per l’illuminazione, per la protezione contro il male, per la prosperità, per la conoscenza, per la guarigione e per l’amore.

Quali sono gli effetti psico-fisici del Mantra su chi li canta?

  • generano vibrazioni positive;
  • creano energia positiva e rafforzano la volontà mentale;
  • evocano la mente subconscia e quindi aiutano nel prendere decisioni e portano realizzazione;
  • possono guarire la mente ed il corpo, possono aiutare a superare gli effetti negativi di eventi passati;
  • possono aiutare a ridurre la depressione, la rabbia, la gelosia e altre emozioni forti negative;
  • possono generare Pace e armonia;
  • possono migliorare le relazioni;
  • possono purificare un luogo.

Il mio Mantra preferito, negli ultimi tempi, è questo: Om Tare Tuttare Ture Soha (che può trascriversi anche Swaha), come è cantata dai Sacred Earth Music (puoi ascoltarlo entrando nella loro pagina!). Ho scoperto solo oggi che questo Mantra è dedicato ad una Dea, Tara in sanscrito, in tibetano: sGrol-ma,

una delle dee più amate e venerate dagli appartenenti al “Veicolo di Diamante”, la forma tantrica del buddhismo tuttora praticata in Tibet, in Mongolia e in tutta la regione himalayana.
Divinità femminile di origine indiana, è un Bodhisattva Celestiale che personifica la materna ed amorevole sollecitudine dei buddha nel suo aspetto di intervento rapido ed efficiente per proteggere e salvare tutti gli esseri senzienti (fonte Tara Verde).

Il significato di questo Mantra è questo: “Om, Liberatrice, che elimini ogni paura, e che concedi ogni successo, possano le tue benedizioni radicarsi nel nostro cuore“.

E tu conosci e canti qualche Mantra? Mi piacerebbe sapere quali preferisci…

2 Comments

  1. Il mio mantra personale è questo: respiro, sorrido, amo, mi fido.
    Il mantra che canto è il Padre Nostro, al quale ho sostituito un paio di parole per renderlo il mio Padre Nostro.
    Io considero il Padre Nostro una preghiera magica, molto potente.
    Ne conosco le parole, cantarle mi calma la mente, il cuore, il corpo, mi dona serenità.
    Grazie per il tuo lavoro, molto importante!

    • Rossella

      Vero, le preghiere che conosciamo meglio sono quelle che hanno anche il potere di rassicurarci. A me spontaneamente viene da dire l’Ave Maria, concordo con te, con qualche piccola modifica… Grazie 🙂

Rispondi