A CONTATTO CON LA LUNA PIENA

Immagine tratta da Openheartedrebel

Immagine tratta da Openheartedrebel

La luna, simbolo della Madre Divina, ci ispira e ci rassicura: lei è la nostra forza creativa. Il tempo della Luna Piena è sempre prezioso per tanti rituali ma anche semplicemente per mettersi in ascolto di noi stesse.

Siamo ancora sotto l’influsso della Luna Piena di ieri in Cancro, ma da oggi transita nel segno del Leone, facendoci passare da un momento in cui sentivamo la necessità di rifugiarci in noi stesse, ad un altro di vitalità e creatività. Ogni transito nelle Costellazioni dei segni zodiacali ci orienta con modalità diverse. 

E se in questa prima luna piena del 2017 tutto sembra iniziare con grande forza, permangono in noi insicurezze o sfide emotive che potrebbero portare ansia o un vero blocco emotivo o creativo. Chiediamo all’elemento acqua e al suo potere di guarigione di fluire attraverso di noi e di pulire le vecchie memorie. Chiediamo ai cristalli, in particolare ai quarzi che abbiamo caricato nell’acqua e sotto la luna piena, di riprogrammare le nostre memorie.

Questo momento della Luna Piena può essere prezioso e carico di magia se solo noi ci mettiamo nel giusto atteggiamento di contatto con noi stesse e con le energie dell’Universo. Può sembrare qualcosa di troppo staccato dalla realtà di tutti i giorni, ma che la Luna agisca nelle nostre vite è cosa risaputa: le piante, la terra, il mare, le nascite…tutto ha un suo collegamento con la Luna. Noi donne lo sappiamo bene.

Perché, allora, non fidarci e non provare a fare qualcosa di più? Una volta si chiamavano Esbat, come ho spiegato qui ed è un modo di festeggiare la luna e i suoi cicli.

Come?

Con una lista dei desideri, per esempio, scritta la vigilia di luna piena, con un grazie finale per ogni richiesta. Il giorno dopo bruciarla o lasciarla andare in un fiume o nel mare…

E poi sentire il grande potere di questo astro nel nostro grembo, nell’utero, chiedendo alla luce della luna che lo riempia e lo benedica. Visualizziamo questa luce argentea nel nostro utero, lentamente espandersi in tutto il nostro corpo e circondarci. Chiediamo a questa luce di sanarci, e regaliamo un po’ di questa luce alle persone a cui vogliamo bene o che hanno bisogno di un po’ di buona energia. Questi rituali possono essere fatti e/o ripetuti anche nei due giorni successivi la Luna Piena.

E non dimenticate i 10 modi di essere collegate alla Luna!

Quest’anno ho deciso anche di seguire ancor più da vicino tutte le fasi lunari. E’ per questo che, oltre alla lettura del bellissimo libro La terra delle Grandi Madri, in cui ogni lunazione viene descritta e associata a riti e meditazioni al femminile, ho in borsa l’Agenda della Luna e, sul mio comodino, Tu sei la Dea, un’agenda lunare settimanale con annotazioni sulle fasi lunari, effemeridi (posizioni dei pianeti nel quadrante celeste) e un’archetipo femminile per ogni mese. Gennaio è il mese della Saggia, di cui riporto una frase per aiutarvi ad entrare in sintonia con questo archetipo:

Offro al mondo, con generosità, le esperienze che ho raccolto nel cammino…

Ringrazio tutte le fasi che ho attraversato e che mi hanno portato al presente, l’unico tempo esistente.

Rispondi