CELEBRARE SAMHAIN

pexels-photo-211358-large-3Eccoci alla festa di Samhain (fine dell’estate), festa celtica, antico capodanno che è poi diventato in America Halloween, notte di tutti gli spiriti, grazie ai coloni irlandesi che esportarono la leggenda di Jack O’Lantern.

Bisogna anche dire che la Chiesa Cattolica spostò nel VII secolo la festa di Ognissanti, che onorava il martirio dei primi cristiani, da maggio al primo novembre, a causa della difficoltà che riscontrò con i pagani celti che non volevano abbandonare le loro tradizioni.

Quindi nella giornata autunnale del 1° novembre si onoravano così tutti i morti, non solo i primi santi cristiani. Ed è così che gli spiriti dell’antica religione furono visti come diabolici e malvagi! Da qui le storie di streghe e di spiriti. Ma sappiamo bene che quelle che chiamavano streghe non erano altro che donne particolarmente intuitive e legate alla religione della natura, Madre Terra.

Questo momento dell’anno, in realtà, è molto forte: si assottiglia il velo che separa il nostro mondo terreno da quello degli spiriti e la nostra intuizione diviene più loquace, in grado di farci comprendere cose che fino ad allora non erano chiare. E’ la celebrazione dei cicli vitali: la morte vista come parte integrante della vita, pronta a ricominciare il suo ciclo nuovamente. Ricordiamo i nostri cari defunti, ma anche tutti gli antenati che ci hanno preceduti nel cammino della vita. 

Abbandonare l’estate e andare verso l’inverno significa, come gli alberi che perdono le loro foglie, eliminare le cose che non ci servono più, fisicamente e spiritualmente. Bruciamo allora una carta dove avremo scritto tutto quello che vogliamo abbandonare e lasciamo andare la cenere al vento…

Per approfondire vi invito a leggere degli articoli pubblicati nel mio blog gli anni precedenti:

La sacralità di Halloween

I dolci tradizionali di Halloween o Samhain

 

 

2 Comments

  1. Ciao Rossella, mi piace molto quello che scrivi, grazie a te sto apprezzando queste festività che se da piccola suonavano come malinconiche, con halloween suonavano strambe. Forse da quando ti leggo (sul blog precedente) tutto ha più senso 🙂

Rispondi