.: IL PERCHE’ DI UN CROWDFUNDING A FAVORE DEI TUAREG :.

144212637-ed4d63ae-e03d-4692-a790-a95f613b30f1

Vi parlo ancora un po’ del progetto che sto portando avanti e a cui vi invito a partecipare: il crowdfunding per la pubblicazione del libro La leggenda di Tin Hinan, regina dei Tuareg.

Tante sono state le suggestioni che mi hanno portato a pubblicare questa storia. Due le più importanti:

  1. Il fascino verso questa antica civiltà matrilineare.
  2. La realtà dell’estinzione di questo popolo.

I motivi sono diversi, e li ho spiegati nell’appendice del libro. In particolare questo  popolo,

che ha continuato a vivere nella più stretta armonia con l’ambiente deve aspettarsi in futuro, nient’altro che un inevitabile processo di estinzione: oppure, se è capace di resistere all’urto di questo processo, l’alternativa  è un malevolo relegamento negli strati più bassi di  una società che li disprezza e li costringe ai lavori più servili.

E’ auspicabile che prima che sia troppo tardi, possiamo imparare a dividere il nostro mondo con popoli i cui valori e tradizioni differiscono dai nostri, ma le cui conoscenze e coscienza di se stessi non sono minori delle nostre. Se ciò avverrà, senza paternalismo, ma con pieno riconoscimento degli altrui diritti, senza squallida degenerazione dei rapporti umani, il  pianeta  potrà  divenire un luogo migliore  in cui vivere: diversamente, il  singolo, sarà travolto dal  materialismo dilagante di questa nostra sedicente civiltà che nel più prossimo futuro non potrà far altro che modificare senza aiutare, distruggere senza costruire. (fonte Vincenzo Moneta)

3b02547e5607ae634d550f01aca82622

Così come c’è da dire che un popolo disperato è più facilmente strumentalizzabile, ed è quello che sta accadendo per i Tuareg, manipolati con promesse di restituzione di territori e, quindi, di sopravvivenza.

Chi ha visto lo straordinario film Timbuktù, avrà visto la vita semplice e pacifica della coppia Tuareg che vive nel deserto, poco fuori della città.

La famiglia di Kindane, lui, la moglie e una bambina, intenti a conversare gioiosamente nella loro tenda, ad accudire pecore e mucche è espressione di una vita felice e pacifica che desidera solo restare tale. La sequenza iniziale, ripetuta anche a chiusura del film, di una inerme gazzella che fugge inseguita da una jeep di guerriglieri armati è stata assunta a simbolo di questa tragica storia. (fonte Family Cinema)

Per le donne Tuareg si intravvede un altro rischio: belle, progressiste (fa parte della loro cultura!!!), non portano il velo… sono minacciate ancora di più dall’ISIS, che vuole la donna schiava dell’uomo! (Se volete vedere una raccolta di foto di donne Tuareg andate nella mia bacheca di Pinterest).

143431031-8f841de2-1899-4e26-b633-d3f33b1d86b8

Ecco, ho voluto dirvi qualcosa che aiuti a capire il background del mio lavoro, apparentemente solo di tipo antropologico.

Mi sento di esprimere solidarietà e lo faccio nel modo che conosco: divulgando, scrivendo. Ecco perchè vorrei finanziare l’Associazione Montereale di Pordenone, come ho spiegato su Produzioni dal Basso.

Per chi ancora non l’avesse fatto, vi invito a leggere il link e a finanziare il mio progetto in crowdfunding! Grazie 🙂

PS: fate presto, la scadenza per parteciparvi è il 30 novembre!

https://www.produzionidalbasso.com/project/la-leggenda-della-regina-tin-hinan/