.: FIBROMIALGIA E OLTRE :.

fibromyalgia_celtic_butterfly_3_stickers-r693638930d73459fb22c4341989b3269_v9waf_8byvr_512

Prima di partire ho deciso di scrivere un articolo che avrei dovuto pubblicare già da un pò. Voglio riparlare della Fibromialgia. Domenica 12 è stata la Giornata Mondiale della Fibromialgia. Come sempre da noi sono stati pochissimi i convegni o gli incontri informativi, tutto è ancora sommerso. Leggo che in Trentino Alto Adige hanno proposto una legge per il riconoscimento di questa patologia. Sarebbe un primo passo molto importante, perchè altre Regioni seguirebbero l’esempio e perchè a quel punto se ne potrebbe parlare anche a livello legislativo nazionale.

Avevo promesso alle amiche fibromialgiche che mi seguono di parlare ancora di me, di come sto affrontando i miei malesseri. Innanzitutto credo una cosa: è vero, la patologia c’è, ma credo che sia importantissimo non sentirsi malate nel senso classico, altrimenti ci si dà la zappa sopra i piedi! Il pensiero positivo agisce a livello corporeo più di quanto alcuni credano e la conferma è data dalle numerose ricerche scientifiche.

Quindi è importantissimo riuscire a mantenere sempre alto il morale, a vedere le cose positive anche nella nostra condizione, almeno quando si può. Quando ciò non è possible, chiediamo aiuto, dedichiamo del tempo a noi stessi, riposiamo di più, mangiamo meglio, camminiamo, facciamo un massaggio. Sono una pigra e quest’anno non ho fatto esercizio fisico, ma ora che il tempo è migliorato ho deciso di fare delle camminate nel verde. Quando lo faccio ho più energie in circolo e, quindi, mi sento meglio.

Negli ultimi mesi sono stata molto male con l’ulcera ed è stata una lenta e lunga ripresa, con numerose ricadute. Ora sto meglio, ma alle cure tradizionali ho aggiunto tanti altri farmaci di tipo naturali.

Per i dolori la cura con il Gerovital che seguo da un anno e mezzo mi è di grande aiuto, ma sono sicura anche di aver trovato un medico, la dottoressa rumena Ana Oleniuc (viene in Italia 2 volte l’anno), che è una persona che sa guardare al di là della malattia e che è in grado di applicare nel modo migliore il farmaco, sia a livello locale che sistemico.

Per il resto faccio uso di qualsiasi cosa possa aiutarmi: dalle medicine tradizionali per lo stomaco, il cuore (extrasistolia)e l’umore, supportate dalla medicina omeopatica e fitoterapica.

Non mi faccio mai mancare la Nux Vomica e l’olio essenziale di Arancio Amaro per lo stomaco, così come alcune gocce di fitoterapico (miste) sia per lo stomaco che per dormire, oppure il Biancospino per il cuore e l’ansia. O ancora le tisane dopo i pasti e il tè verde. Ancora non ho risolto i dolori alle mani, che da un anno sono peggiorati, ma sono convinta che troverò anche per questo un aiuto nel Gerovital.

Ho intenzione di provare anche la tintura madre di Artiglio del diavolo, che mi hanno detto essere molto potente per i dolori.

Intanto auguro ad ognuno di trovare la strada migliore, senza dimenticare la propria dimensione spirituale 🙂

PS: senza le compresse e il collirio a base di Acido Ialuronico non riuscirei a tenere sotto controllo il dolore agli occhi dovuto alla secchezza oculare!

0 Comments

  1. luciana palumbo

    sono fibromialgica da 9 anni, ma solo ora inizio ad accettare questa patologia,.Oggi vi ho scoperto e sono felice di cio’ perche’ penso che mi sarete di aiuto lungo il mio percorso della guarigione !!!!!!!!! GRAZIE Luciana

  2. cristina

    Ciao a tutte. . Come voi da poco o scoperto di avere la fibriomalgia. . Per adesso prendo solo Rivotril gocce e non trovo nessun risultato almeno fino ad adesso. . Da ieri mi fa male tutto e non so cosa fare
    Dovrei fare piscina ma non lavoro quindi non posso per metterlo e stato italiano non riconosce la patologia! La domanda che faccio è. . . Non si vergognano? Io do essere italiana si!

    • Ciao, probabilmente, però, devi rivolgerti a medici competenti. Io non prendo farmaci veri e propri, ma molti integratori naturali, esercizio fisico moderato e… cercare anche un sostegno psicologico. Inoltre ci sono terapie locali come l’ossigenoterapia, la mesoterapia omeopatica e altro che rispondono bene!

      • cristina

        Io non parlavo di dottori. Mi trovo bene con il mio reumatologo! Sostegno morale non mi manca ma il problema è che la nostra malattia non è riconosciuta e dobbiamo provare di tutto per stare bene! Tu che tipo di attività svolgi? Come stai adesso?

  3. Divina

    Salve a Tutti
    Mi chiamo Patrizia e dal 1995 soffro della sindrome Fibromialgica,
    da un mese uso flexiban e biancospino, diciamo che il mio rilassatore non fa grandi miracoli ma aiuta.

    • Ciao Patrizia, io credo che ognuno debba trovare un suo equilibrio anche attraverso alcuni farmaci…

Rispondi