.: IL POTERE FEMMINILE E LE DAKINI :.

Nei mesi scorsi ho letto l’ultimo libro di Vicki Noble dal titolo La via della dea, con allegato il DVD in cui l’autrice viene intervistata in Italia durante uno dei suoi corsi e racconta anche delle sue carte Motherpeace. Nel libro si parla delle Dakini, argomento per me assolutamente sconosciuto.  Amiche, sorelle, se avete bisogno di recuperare la vostra potenza (intesa come forza del principio femminile), allora dovete rivolgervi a loro e lasciarvi ispirare.

La Dakini è una divinità buddista femminile. Dakini è una traduzione della parola tibetana “khandro“, che letteralmente significa “colei che va in cielo”, o “colei che si muove nel cielo”.
In termini più poetici, Ella è detta “la Danzatrice del Cielo” e per tale appellativo è stata assimilata qui in occidente alle figure celesti angeliche. Colei che danza nel cielo, che è libera, libera grazie all’aver superato gli ostacoli e i limiti della mente comune.
Come potete leggere qui le Dakini – perchè Dakini in realtà è plurale, una pluralità di Dee, una pluralità di forme della Dakini, incarnazione del femminile divino – sono diverse fra loro come possono esserlo le singole fiamme dell’unico fuoco che nell’iconografia la circonda. Sono la conoscenza e il potere magico.
Come aiuti spirituali, sono in grado di risvegliarele forze dormienti che giaciono nel profondo.

Il katvanga, il bastone, rappresenta il consorte segreto maschile della dakini. Tenendo il katvanga la dakini dimostra di aver incorporato il principio maschile dentro di lei e che questa energia è a sua disposizione. Grazie a questo bastone ha il potere di stare da sola, da cui la predisposizione all’autonomia e all’isolamento delle dakini incarnate.

La dakini che tiene il bastone, come suo consorte, può essere fonte d’ispirazione per la donna nella nostra cultura, dove non sono comuni immagini di questo tipo del principio femminile con cui identificarci. È evidente che la nostra cultura ha dissuaso la donna dall’affermare la propria potenza femminile. La donna non è incoraggiata a considerare le sue asserzioni e la sua ira in modo positivo, mentre per secoli è stato trasmesso che è bene che il femminile sia docile e mai minaccioso.

Più in generale, se consideriamo la dakini quale principio femminile come sottile flusso di energia che attraversa tutto il mondo fenomenico e quindi in primo luogo la natura, quando qualcuno si comporta in modo da disturbare l’energia della terra, anche il principio della dakini sarà offeso, e ciò porterà malattie, carestie e guerre. Anche in questo caso la dakini si manifesterà nella sua energia irata.

Per chi fose interessato consiglio anche la lettura del libro associato ai tarocchi Motherpeace: Madrepace Playbook. La pratica di Madrepace attraverso i tarocchi e l’astrologia

0 Comments

  1. Ciao,
    sono un’allieva di Vicki dal 2008. Da lei ho ricevuto le Pratiche delle Dakini. E’ davvero una grande avventura! Le donne che portano avanti un processo di auto empowerment attraverso queste Pratiche, sono esse stesse Dakini.
    Il gruppo Le Dakini è su FB.

Rispondi a Lucia Annulla risposta