.: LA FORZA SOTTERRANEA DELLE DONNE :.

Quando facciamo valere l’intuito, siamo come una notte stellata: fissiamo il mondo con migliaia di occhi.

da Donne che corrono con i lupi di Clarissa Pinkola Estés

Vi segnalo che è stato riedito un libro di Clarissa Pinkola Estés che da anni non era più reperibile in Italia: La danza delle grandi madri.

In tutte le donne, soprattutto quando entrano nell’età matura, alberga una forza sotterranea e invisibile che si esprime attraverso intuizioni improvvise, esplosioni di energia, acute percezioni, slanci appassionati: un impulso travolgente e inesauribile che le spinge ostinatamente verso la salvezza, verso la ricostruzione di qualsiasi integrità spezzata.

Come un grande albero che, per quanto minacciato dalle malattie, colpito dalle intemperie, aggredito dalla furia dell’uomo, non muore mai, ma miracolosamente e con pazienza continua a nutrirsi attraverso le proprie radici, si rigenera e rinasce per mantenere il proprio spirito vitale così da poter generare nuovi germogli cui affidare questa eredità inestimabile.

0 Comments

  1. Clarissa ha svolto un lavoro eccezionale per tutte le donne del pianeta. Le sono molto grata, anche come narratrice. La forza del racconto e della riscoperta è enorme.
    Grazie mille dell’informazione su La danza delle grandi madri, Rossella.

    🙂

  2. a proposito della forza sotterranea delle donne: capita spesso che le cose che scrivi sul blog sono esattamente in sintonia con le cose su cui sto lavorando o riflettendo… infatti sabato mi sono iscritta ad un convegno a Torino che si chiama: DALLA MENTE AL CUORE – LA SAGGEZZA GUARITRICE DELLE DONNE – incontro con 5 donne straodinarie – tra cui una sciamana, Una studiosa di Cabalà, che avevo conosciuto in Israele e Annie Givaudan che parlerà delle forme-pensiero … è bella questa sinergia di ispirazione e obiettivi….

    • Rossella

      Non sei la prima che me lo dice… credo che io raccolga soltanto le energie che circolano e che ci sia in giro un gran bel movimento di energie 🙂 Raccontaci poi del tuo convegno Laura, ciao!

  3. Aspetto con ansia i tuoi post, sono sempre così soavi ma intensi.
    Ti ringrazio e ti immagino come un grande salice piangente che si muove nel mondo con grazia e sapienza, grazie!

    • Rossella

      Sandra, grazie, il salice è il mio albero preferito!

  4. Rossella, come si fa a non citare certi pensieri? Grazie a te per editare questo blog, altro che!

  5. Pingback: Donne e tartufi di ricotta al cioccolato fondente | Sono io, Sandra

Rispondi